Subscribe to our RSS Feeds
Nella Città dell'uomo, per l'Ing. Adriano Olivetti, la bellezza, l'amore, la verità e la giustizia, rappresentavano un'autentica promozione spirituale. Gli uomini, le ideologie, gli Stati che avranno dimenticato una sola di queste forze creatrici non potranno indicare agli altri e alle nuove generazioni il cammino della civiltà.

Windows Blog Italia

BENVENUTI IN QUESTO SPAZIO WEB DEDICATO ALLA DIVULGAZIONE E ALLE INIZIATIVE IN AMBITO ICT. GRAZIE E BUONA LETTURA BY ALASSIO iTEK!

-> Hi-TECH NEWS


-> FLASH NEWS
I PRIMI SEI DELLA CLASSIFICA DEGLI ARTICOLI PIU' LETTI

...

LE ULTIME NOVITA' DI ALASSIO iTEK

Ivo Brancaleoni, una vita per il calcio

0 Comments »


(Alassio, 23 novembre 1931 – Pietra Ligure, 21 febbraio 2014) è stato un calciatore italiano, di ruolo terzino sinistro.

Dopo gli esordi con la Sestrese, passa al Como in Serie B.
Nel 1955 si trasferisce al Torino, squadra con cui esordisce in massima serie il 2 ottobre 1955, in occasione del successo esterno sull'Atalanta e con cui disputa tre stagioni in Serie A, collezionando 55 presenze nella massima serie, imponendosi come titolare solo nell'ultima (1957-1958).
Negli anni seguenti gioca con il Bari, con cui totalizza 37 presenze complessive, di cui 25 in Serie A.
Chiude la carriera in Serie C con la Reggina.
In carriera ha totalizzato complessivamente 80 presenze in Serie A e 74 in Serie B.
È stato allenatore di squadre giovanili come l'Auxilium di Alassio, formazione juniores con cui ha vinto nel 1966-1967 la Coppa Bacigalupo. Nel 2006 ha allenato i pulcini dell'Andora Calcio. Nel 2009, i pulcini del Baia Alassio 1921 Cisano.

ALASSINO D'ORO A IVO BRANCALEONI

Sono talmente tanti i ricordi del Grande Ivo che non saprei neppure da dove e da quali iniziare...

L'ultima volta, circa un anno fa, pedalando in salita, passando in bicicletta davanti al cortile della tua abitazione, eri lì, come sempre impegnato "a mettere ordine in campo". Mi sono fermato un attimo, ti ho salutato e... e quello è diventato il mio ultimo saluto ad un uomo che ci ha insegnato come il calcio non sia solo uno sport ma anche una rappresentazione diversa, severa, difficile ma divertente della vita.
Secondo alcune indiscrezioni, eri un combattente, uno che non mollava mai, un esempio per tutti. Personalmente ti ricordo come una persona tanto schiva quanto riservata ma dal cuore forte e tenero al tempo stesso. Per esempio, non ti ho mai sentito parlare delle tue esperienze nel mondo del calcio o del Grande Torino ma nei tuoi insegnamenti c'era tutto quello che avevi imparato, giocando ad alti livelli.
Quando qualche discolo disertava gli allenamenti, tu, puntualmente, sapevi dove cercarlo e trovarlo, entrando all'oratorio dei Salesiani, ed osservando, da dietro alle porte e per qualche minuto, chi stava giocando in quel momento. Poi andavi via, senza dire nulla.
Per tantissimi anni hai insegnato, a generazioni e generazioni di ragazzi di Alassio, come stare in campo, come affrontare la vita, come far perdere la pazienza agli altri, facendo girare bene la palla, con equilibrio, con grinta, con concentrazione. Ricordo nitidamente che: "Quando un avversario picchia, significa che è disperato. Vince chi sa giocare meglio la palla e non chi vuole solamente far del male agli altri..."

Anche in questi brevi e semplici concetti si celava Ivo Brancaleoni e si cela la bellezza del calcio.


2/24/2014 05:12:00 PM

0 Responses to "Ivo Brancaleoni, una vita per il calcio"

Posta un commento

Mobilificio FIORIN - un nostro progetto realizzato nel 1990

Mobilificio FIORIN - un nostro progetto realizzato nel 1990
Centro artigianale e commerciale sito in Leca d'Albenga (Savona), reg. Carrà, via al Piemonte n° 1. Progettista, direttore dei lavori e calcolatore dei cementi armati: Alessandro Sicco

Blog, Website and Web

Wikipedia

Risultati di ricerca